LEZIONI DI MUSICA DALL'ARCHIVIO

La Fondazione Campus Internazionale di Musica, fra le iniziative del suo cinquantenario, ha affidato al compositore e conduttore radiofonico Alessandro Solbiati, autore delle seguitissime lezioni di musica su Radio3, sei lezioni di musica dall'Archivio, on line da lunedì 28 dicembre 2020 sui canali social (Facebook e YouTube) del Campus e sull'app della Regione Lazio Laziocult.

Un'occasione per conoscere più da vicino il prezioso archivio dell'istituzione di Latina (in cui sono conservati i fondi di alcuni noti compositori del XX e XXI secolo), e approfondire in particolare la musica di Goffredo Petrassi, Luis de Pablo ed Ennio Morricone, tre compositori legati alla storia del Campus e di cui il Festival Pontino di Musica ha accolto in più occasioni loro musiche in prima assoluta. Solbiati, che per la Fondazione è anche docente di composizione dei Corsi di perfezionamento di Sermoneta, racconta con partiture e manoscritti alla mano, un pianoforte, e registrazioni audio e video per l'ascolto, il percorso artistico dei tre musicisti, il legame che li teneva uniti, passando da lavori più celebri a vere e proprie rarità.
L'iniziativa è realizzata con contributo della Regione Lazio, Direzione Cultura, Politiche Giovanili e Lazio Creativo - Piano 2020 (Determinazione 1 ottobre 2020, n. G11178)


Le prime due lezioni sono dedicate a Goffredo Petrassi (1904-2003) di cui l'Archivio detiene il Fondo più corposo, con manoscritti musicali originali del maestro e oltre 4500 lettere, preziosa testimonianza delle relazioni umane e professionali che Petrassi strinse con i principali personaggi del secolo scorso fra intellettuali, giornalisti, musicisti, compositori, scrittori, poeti e pittori. Petrassi si legò moltissimo all'attività del Campus, fu l'anima degli Incontri internazionali di Musica Contemporanea all'interno del Festival Pontino, di cui fu presidente onorario dal 1975 al 2003, e punto di riferimento della nuova musica in Italia. Nella prima lezione Solbiati si sofferma sulle Invenzioni (1944) per pianoforte, il brano più ampio di Petrassi per questo strumento, 8 pezzi di scrittura estremamente varia, sospesi tra neoclassicismo e richiami stravinskiani, ma sempre attraverso la lente deformata di uno sguardo lucido e curioso del XX secolo. L'ascolto lo fornirà un giovane talento, Daniele Fasani, vincitore della seconda edizione del Premio Riccardo Cerocchi, interprete di uno dei recenti concerti in streaming realizzati per il Festival. La seconda lezione è dedicata ai Mottetti per la Passione per coro a cappella (1965) il cui manoscritto è depositato nel Fondo Petrassi dell'Archivio. Centro del suo percorso personale e musicale nella sacralità, i Mottetti delineano una lunghissima parabola, perfettamente simbolica delle vicende spirituali dell'uomo del XX secolo, fra i capolavori del secolo scorso.


Le successive due lezioni, in onda dal 4 gennaio, approfondiscono la musica di Luis de Pablo (1930) Leone d'Oro alla carriera alla Biennale di Venezia 2020, e dal 2010 presidente onorario del Festival Pontino, che ha accolto a partire dal 1984 più di una decina di sue prime esecuzioni assolute. Il legame con il Campus è testimoniato anche dal Fondo Luis de Pablo posseduto dall'Archivio, che contiene manoscritti musicali autografi e appunti del maestro. Nel primo incontro Solbiati presenta le Le Prie-Dieu sur la terrasse (1973) per un percussionista e Anatomías (2005/2007) per viola e cinque strumenti. Il secondo incontro verte sul Trio per violino, violoncello e pianoforte (1993), scritto per il Trio Matisse. Tre opere composte in momenti diversi della carriera del musicista basco, spunto per ricostruire oltre trent'anni del suo percorso creativo.

Le ultime due lezioni, visibili dall'11 gennaio, sono dedicate ad Ennio Morricone (1928-2020), che di Goffredo Petrassi fu allievo di composizione, e per il quale dimostrò sempre profondo affetto e riconoscenza. La prima lezione verte sulla musica assoluta del maestro (Morricone ha prodotto per tutta la vita un considerevole catalogo di musica "assoluta"), e sul suo rapporto con la tradizione. Si analizzeranno Metamorfosi di Violetta (2001) per clarinetto e quartetto d'archi, trasformazione continua di uno dei più famosi temi dell'opera verdiana, e, dello stesso anno, Immobile n. 2 per armonica a bocca e archi, pezzo eseguito anche al Festival Pontino dal solista Gianluca Littera, per cui Morricone aveva appositamente scritto la partitura. La seconda lezione è su Morricone e la musica per film, soffermandosi però sulle colonne sonore meno conosciute e di più raro ascolto, eppure di grande interesse. Fra queste quelle del film-documentario UNICEF (1979) di Cesare Perfetto, del Mosè (1974) sceneggiato per la tv di Gianfranco de Bosio, Galileo (1968) di Liliana Cavani, fino alla musica che nel 1980 il compositore scrisse su alcune poesie politiche di Alexandros Panagulis dalla raccolta Vi scrivo da un carcere in Grecia (1974).