CONCERTO STRAORDINARIO DI INAUGURAZIONE

 

Con un concerto di Antonio Pappano al pianoforte, al quale si affianca il violoncellista Luigi Piovano,

riapre dopo oltre un anno di lavori il Teatro D'Annunzio di Latina.

Mercoledì 30 novembre alle ore 20.30 saliranno insieme sul palcoscenico del Teatro per eseguire due Sonate di Brahms.

 

 

Latina, 23 novembre 2016 - Riapre il Teatro D'Annunzio di Latina dopo oltre un anno di lavori. Per l'occasione è stato invitato, segnando così il suo debutto a Latina, Sir Antonio Pappano, Direttore Musicale dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia che, in veste di solista al pianoforte, sarà affiancato da Luigi Piovano, primo violoncello solista della famosa Orchestra romana. Insieme eseguiranno mercoledì 30 novembre alle ore 20.30 le due Sonate per violoncello e pianoforte di Johannes Brahms, la n. 1 in mi minore op. 38 e la n. 2 in fa maggiore op. 99. Il concerto è realizzato con il contributo di Renault Icar.

Durante la chiusura del Teatro le istituzioni musicali e artistiche di Latina, tra le quali il Campus Internazionale di Musica, sono state costrette ad utilizzare altri spazi. Ora il Campus esprime la sua soddisfazione per la ritrovata sede ove poter proseguire la musicale programmazione invernale. All'indomani della certificazione di agibilità redatta da una apposita Commissione di Vigilanza, il Sindaco di Latina Damiano Coletta ha così commentato:
«In un momento particolarmente delicato per Latina e per l'Amministrazione, la riapertura del Teatro acquista
valenza simbolica, dimostra la capacità e la volontà di questa città di ripartire
e sono particolarmente contento
che si riparta proprio dal "luogo" della cultura. Era importante avere una risposta
oggi per non compromettere
la stagione di rappresentazioni, musica e danza, per questo ringrazio la Commissione
e gli uffici tecnici
che hanno assolto tutti gli adempimenti necessari alla ripresa delle attività del D'Annunzio.
Ora procederemo per restituire al più presto alla comunità anche il Teatro Cafaro».

Il Duo Pappano - Piovano si riunisce non più di tre volte l'anno, ospite dei più prestigiosi teatri e istituzioni italiani, tra i quali recentemente l'Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma, gli Amici della Musica di Firenze e di Perugia, le Serate Musicali di Milano, il Teatro Grande di Brescia, il Teatro delle Muse di Ancona, Ravello Festival, Noto Festival e il Teatro Lauro Rossi di Macerata.

 

Brahms ha scritto soltanto due volte nella sua vita per il violoncello solista accompagnato dal pianoforte e venti sono gli anni che dividono la composizione della Prima sonata dalla Seconda. E' nel 1862 che Brahms pensa ai primi due movimenti della Sonata n. 1, portati però a termine, con l'aggiunta di un terzo, soltanto nell'inverno del 1865 a Karlsruhe, riscuotendo un successo di pubblico immediato. L'opera era stata dedicata all'amico violoncellista Josef Gänsbacher, un omaggio al suo talento ma anche al violoncello, uno strumento che Brahms amava moltissimo per le sue sonorità ampie, calde, che si accordavano in modo maturale all'espressività brahmsiana. Fu subito riconosciuto a questo capolavoro un carattere "pastorale" - tanto che proprio come "Sonata pastorale" è spesso anche indicata -, per la sua semplicità di struttura, la sua freschezza e spontaneità. La Seconda sonata arrivò invece soltanto nell'estate del 1896, un anno fecondissimo per Brahms, ispirata dalle acque del lago di Thun, nel cantone svizzero di Berna, ove il compositore amava spesso soggiornare. La sua prima esecuzione pubblica ebbe luogo a Vienna il 24 novembre successivo, con lo stesso Brahms al pianoforte.    

 

 

Costo biglietti: Platea 30€, Galleria 25€ Prevendita 2€

Il biglietti possono essere acquistati presso i punti vendita del circuito Boxoffice Lazio (l'elenco è consultabile sul sito www.boxofficelazio.it).  A Latina presso Amadeuservice, in Via Neghelli 3/5, e Bluticket presso il centro commerciale Latina Fiori e la tabaccheria il Toscano, in via della Stazione 184).

 

Unicamente per Informazioni:
Fondazione Campus Internazionale di Musica,
Via Varsavia, 31 - 04100 Latina, tel. 0773 605551
www.campusmusica.it; info@campusmusica.it,

 

Ufficio stampa

Sara Ciccarelli: e-mail sara.ciccarelli@fastwebnet.it

Luca Pellegrini:  e-mail: luxpell@alice.it

Email stampa_festivalpontino@panservice.it

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

PROGRAMMA MERCOLEDI' 30 NOVEMBRE

Teatro Gabriele D'Annunzio, Latina - ore 20.30

 

Johannes Brahms,   Sonata n. 1 in mi minore op. 38

                             Sonata n. 2 in fa maggiore op. 99

 

 

Luigi Piovano, violoncello

Sir Antonio Pappano, pianoforte

 

 

LUIGI PIOVANO

Primo violoncello solista dell'Orchestra dell'Accademia Nazionale di S. Cecilia, Luigi Piovano si è diplomato in violoncello a 17 anni sotto la guida di Radu Aldulescu, con cui si è poi diplomato in violoncello e musica da camera anche al Conservatorio Europeo di Parigi. Nel 1999 è stato scelto da Maurizio Pollini per partecipare al "Progetto Pollini" al Festival di Salisburgo, ripreso poi alla Carnegie Hall di New York, a Tokyo e a Roma. Ha tenuto concerti di musica da camera con Sawallisch, Chung, Lonquich, Sitkovetsky, Kavakos, Katia e Marielle Labeque. Dal 2007 suona in duo con Sir Antonio Pappano e dal 2009 fa parte del trio Latitude 41. Ha suonato come solista con orchestre come la Tokyo Philharmonic, la New Japan Philharmonic e l'Accademia Nazionale di Santa Cecilia sotto la direzione di Chung, Pletnev, Boreyko, Menuhin, Bellugi. Fra i suoi impegni come solista nel 2015 e 2016, i debutti al Festival Virée classique di Montréal su invito di Kent Nagano e con la Seoul Philharmonic diretta da Chung, numerosi recital in duo con Antonio Pappano, la prima assoluta del Concerto per violoncello di Peter Zombola a Budapest, il Secondo Concerto di Saint-Saëns con l'Orchestra di Santa Cecilia diretta da Rafael Payare.

Fra i suoi dischi più recenti, le Sei Suites di Bach per Eloquentia che ha pubblicato anche l'integrale per violoncello di Saint-Saëns e un CD di schubertiano con Latitude 41. Nel 2012 Nimbus ha pubblicato le Variazioni Goldberg nella versione per trio d'archi di Dmitry Sitkovetsky. Di recente pubblicazione, sempre per Eloquentia, i due Trii di Saint-Saëns con Latitude 41. Suona un Alessandro Gagliano del 1710.

Dal  2002 si dedica sempre più anche alla direzione. Ha registrato per Naxos e per Eloquentia che nel 2012 ha pubblicato un CD in cui dirige i Kindertotenlieder e i Lieder eines fahrenden Gesellen di Mahler con Sara Mingardo e Musici Aurei, premiato in Francia come miglior CD di Lieder dell'anno. Fra il 2012 e il 2013 è stato nominato direttore musicale dell'Orchestra ICO della Magna Grecia e di Roma Tre Orchestra. Dopo il successo ottenuto nel 2013 dirigendo gli Archi dell'Orchestra dell'Accademia di Santa Cecilia in un concerto di musiche di Schubert al Parco della Musica di Roma e l'immediata registrazione del medesimo programma per un CD della Eloquentia, Piovano ha avviato una collaborazione stabile alla testa degli Archi di Santa Cecilia con i quali si è già esibito in diverse sedi italiane e ha ottenuto un successo straordinario nella Sala Santa Cecilia di Roma nel 2015 con le Serenate di Dvořák e Čajkovskij, registrate da Eloquentia per un CD appena pubblicato, e quest'anno con un programma dedicato a Nino Rota, Ennio Morricone e Nicola Piovani, anch'esso registrato da Eloquentia. Fra i suoi impegni più recenti come direttore, il debutto con la New Japan Philharmonic.

 

 

SIR ANTONIO PAPPANO

Sir Antonio Pappano è Direttore Musicale dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia dal 1° ottobre 2005; dal settembre 2002 è Music Director del Covent Garden di Londra. In passato ha ricoperto altri incarichi di prestigio: nel 1990 viene nominato Direttore Musicale della Norske Opera di Oslo e dal 1991 al 2002 ricopre lo stesso ruolo al Théâtre Royal de la Monnaie di Bruxelles.

Nato a Londra nel 1959 da genitori italiani, ha studiato pianoforte, composizione e direzione d'orchestra negli Stati Uniti. Fra le tappe più prestigiose della sua carriera sono da ricordare i debutti alla Staatsoper di Vienna nel 1993, al Metropolitan di New York nel 1997 e al Festival di Bayreuth nel 1999.

Pappano ha diretto molte tra le maggiori orchestre del mondo, tra cui New York Philharmonic, Wiener Philharmoniker, Berliner Philharmoniker, Concertgebouw di Amsterdam, Symphonieorchester des Bayerischen Rundfunks, London Symphony; lo scorso anno ha debuttato alla Scala di Milano con Les Troyens di Berlioz, produzione acclamata da pubblico e critica.

Nel 2005 è stato nominato "Direttore dell'anno" dalla Royal Philharmonic Society e ha vinto il Premio Abbiati della Critica Musicale Italiana per l'esecuzione dei Requiem di Brahms, Britten e Verdi realizzati con i Complessi Artistici dell'Accademia di Santa Cecilia.

Sir Antonio Pappano registra in esclusiva per Emi Classics ora Warner Classics; con l'Orchestra e il Coro di Santa Cecilia ha inciso diversi cd: due dedicati a Čajkovskij, uno con musiche di Lalo, Dvořak, Glazunov e Saint-Saëns e un altro dedicato alle musiche di Respighi. Nel 2008 ha registrato l'opera Madama Butterfly di Puccini che ha vinto il Gramophone Award e nel 2009 la Messa da Requiem di Verdi "dal vivo", che ha ricevuto il BBC Music Magazin Awards 2010 (Settore Corale), il premio della critica ai Classical Brits Awards 2010 e il Gramophone Award 2010. Per la DGG ha inciso lo Stabat Mater di Pergolesi (con Anna Netrebko e Marianna Pizzolato).

Fra le incisioni EMI più recenti: un cd dedicato a Rachmaninoff (Sinfonia n. 2), lo Stabat Mater e l'opera Guillaume Tell di Rossini, la Sesta Sinfonia di Mahler, la Nona Sinfonia "Dal Nuovo Mondo" e il Concerto per violoncello di Dvořák, la Petite Messe Solennelle di Rossini, i Quattro pezzi sacri di Verdi, il War Requiem di Britten, il cd "Rossini Overtures", Aida di Verdi, The Puccini Album con Jonas Kaufmann e il Concerto per pianoforte n. 1 di Čajkovskij e il n. 2 di Prokof'ev con Beatrice Rana.

Il 16 aprile 2007 Sir Antonio Pappano è stato nominato Accademico Effettivo di Santa Cecilia; nel 2012 la regina Elisabetta lo ha nominato Cavaliere per i servizi resi alla musica; nello stesso anno è stato anche nominato Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana. Il 24 marzo 2015 gli è stata conferita la Laurea honoris causa in Musica e Spettacolo dall'Università Tor Vergata di Roma.